Produzione di materiali inerti lapidei e di calcestruzzi preconfezionati. È di questo che si occupa Inerti Valfino, un’azienda presente sul mercato da oltre 30 anni, fondata dalla famiglia Costantini nel 1978 come società in nome collettivo. Dal 1993, l’azienda ha assunto la forma di società a responsabilità limitata, con stabilimenti a Elice, in contrada Madonna degli Angeli, e a Città Sant’Angelo, in contrada Vertonica.

L’attività si è notevolmente ampliata con l’ingresso in azienda della “seconda generazione”: da qui la necessità di cambio della ragione sociale, allo scopo di dare all’azienda una veste giuridica più adeguata alle nuove dimensioni. Negli ultimi anni il processo di espansione è continuato e la Inerti Valfino è riuscita a raggiungere una sempre più vasta ma selezionata clientela. Risale al novembre 2003, l’apertura di un nuovo stabilimento per la produzione di calcestruzzo preconfezionato, a Città Sant’Angelo zona Ibisco, in modo da essere più vicini ai potenziali mercati di sbocco della costa e in prossimità delle arterie stradali principali.

Di pari passo con la realizzazione del nuovo impianto, completamente automatizzato e in grado di fornire elevati standard qualitativi, nel 2004 avviene l’implementazione del sistema qualità secondo la normativa ISO 9001:2000. L’anno successivo, la Inerti Valfino ottiene la certificazione 2+ del controllo di produzione in fabbrica per gli aggregati, secondo la normativa UNI EN 12620 e 13043. Nel 2007 è la volta della certificazione relativa al controllo del processo di fabbricazione del calcestruzzo preconfezionato, conforme alle nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. 14/09/2005 e alle linee guida sul calcestruzzo preconfezionato edite dalla presidenza del Consiglio superiore dei Lavori pubblici – Servizio tecnico centrale.

La qualità è un obiettivo primario dell’azienda, non è solo un insieme di documenti da custodire o di procedure da applicare, ma una filosofia che permea l’intero tessuto aziendale. La Inerti Valfino, infatti, si adopera da sempre in funzione della “customer satisfaction”, in primo luogo fornendo un prodotto realizzato attraverso la lavorazione ottimale di materie prime scelte, ma anche attraverso la resa del miglior servizio al cliente in termini di competenza, puntualità e trasparenza.

Si avvale di 36 dipendenti, inclusi i 7 collaboratori destinati a compiti amministrativi e tecnici. Il personale viene costantemente aggiornato e istruito in modo da assicurare alla clientela la massima professionalità e collaborazione. Va detto, ancora, che la Inerti Valfino dispone di un vasto parco automezzi e macchinari operatori, costantemente rinnovato e tecnicamente all’avanguardia. Un’altra solida garanzia per l’esecuzione di lavori di alto livello.

Luigi Di Marcoberardino, responsabile commerciale: perché scegliere la vostra azienda?

«Perché la Inerti Valfino mette a disposizione una complessa ed efficace organizzazione di risorse umane e materiali e un prodotto di qualità certificata. Proprio sulla qualità abbiamo investito veramente molto, per soddisfare le sempre più specifiche richieste provenienti dal mercato. Gli obiettivi raggiunti in questi ultimi anni sono senza dubbio il frutto di un “lavoro di squadra”, dell’integrazione delle competenze, della positiva sinergia tra tutte le risorse umane e professionali ».

Anna Costantini, responsabile amministrativo: avete dunque puntato molto sulla “soddisfazione del cliente”…

«È il principio centrale intorno al quale ruota il più ampio concetto di qualità aziendale, che poi è la filosofia fondante della Inerti Valfino, che permea ogni settore o funzione aziendale e si concretizza attraverso la realizzazione del miglior prodotto e del servizio ottimale per il cliente. In questo quadro e in un’ottica di competizione di mercato più ampia, la “customer satisfaction” non può che rappresentare l’obiettivo finale che l’azienda si pone, convinta che rispettando le aspettative e le esigenze del consumatore, se ne possa ottenere la fidelizzazione»

Articolo pubblicato su Abruzzo ImpresaMaggio 2014

Leggi originale »